Correntini (tetto ad arcarecci) ...con rilevamento di carico automatico

Correntini (tetto ad arcarecci)

Il modulo di calcolo “Correntini (tetto ad arcarecci)” serve per la verifica dei correntini nelle strutture del tetto ad arcarecci. Il programma calcola automaticamente i carichi da vento e da neve sulla base dei valori di progetto selezionati. Per considerare i carichi corretti è possibile scegliere diverse forme del tetto per tetti a due falde, tetti a una falda e annessi.

  • Calcolo dei carichi da vento e da neve automatico, in relazione alla forma del tetto
  • Considerazione dell’indebolimento della sezione trasversale sugli intagli
  • Inserimento di un numero di arcarecci a piacere (appoggi)
  • Rilevamento della cedevolezza degli appoggi in base alla deformazione degli arcarecci
  • Calcolo del legno lamellare
  • Calcolo di profili di acciaio (come espansione)

Particolarità, come la neve sporgente sulla gronda e i lati dell’edificio aperti al vento, possono essere selezionate in caso di necessità. Anche i carichi che ne derivano sono calcolati automaticamente da DC-Statica.

Forme di tetto

Per l’appoggio dei correntini è possibile creare un numero a piacere di arcarecci. Potrete scegliere tra i “normali” arcarecci con intagli, arcarecci smussati e angolati. Una particolarità del calcolo dei correntini è la considerazione delle campate massime degli arcarecci. All’appoggio dei correntini si terrà conto della cedevolezza dovuta alla flessione nella metà della campata dell’arcareccio.

Distanza massima dei pilastri

Oltre al legno massiccio e al legno lamellare, potrete procedere al calcolo di legno lamellare a strati incrociati. Il calcolo di profili di acciaio è disponibile in forma di modulo supplementare.

Collegamento a Dietrich’s

Le voci di statica del calcolo dei correntini possono essere selezionate nel programma di costruzione Dietrich’s come negli elementi di profilo Dietrich’s per l’intersezione geometrica del tetto. Attraverso l’importazione dell’elemento di costruzione dal profilo, le sezioni trasversali di correntini e arcarecci, precedentemente calcolate, vengono trasferite nell’edificio.