Reticolato ...con tre metodi di inserimento diversi

Reticolato

DC-Statica offre tre diverse possibilità per l’inserimento del reticolato.

  • Inserimento del reticolato
  • …con nodi e assi
  • …con l’inserimento manuale degli elementi di costruzione (come in un programma di costruzione)
  • con l’utilizzo di reticolati parametrici
  • Rilevamento automatico del sistema statico
  • Introduzione di pesi con l’importazione di elementi dei correntini e del tetto
  • Verifica di collegamenti per l’edilizia in legno nella stessa voce di statica

Con questo metodo di inserimento si procede al posizionamento dei nodi del reticolato e, tra essi, degli assi dell’elemento di costruzione. I nodi e le travi possono essere definiti in forma di tabella o semplicemente con la delimitazione grafica di elementi di disegno, per esempio importando dei file DXF. Le strutture reticolari sono modificabili a piacimento sia in lunghezza che altezza, grazie a una funzione di scorrimento dei nodi.

 

Inserimento di nodi e assi

Una modalità sicuramente più semplice e intuitiva per il carpentiere è l’inserimento manuale degli elementi di costruzione. Gli elementi di costruzione vengono posizionati come nel programma di costruzione Dietrich’s. I nodi statici e gli assi degli elementi sono determinati automaticamente da DC-Statica. Con l’aiuto di valori limite è possibile influenzare l’astrazione automatica del sistema statico. Per esempio si possono unire nodi vicini indicando una distanza massima.

I reticolati parametrici sono pensati per quelle strutture che ricorrono regolarmente. Quindi, per esempio, sono depositate diverse capriate a vista, capriate a contraffissi e strutture a capriate che possono essere adattate a piacimento alla situazione corrente. Naturalmente l’utente può creare strutture reticolari personali sotto forma di reticolati parametrici o nei limiti dei servizi.

Inserimento di un reticolato parametrico

Importazione del tetto

Per importare carichi da una struttura di correntini o una struttura del tetto esistente su un reticolato a scelta, il programma offre la possibilità di trasferirli nel reticolato a scelta attraverso l’importazione del tetto. La struttura reticolare potrà dunque essere costruita con l’inserimento manuale delle componenti o con i reticolati parametrici, sulla base degli elementi del tetto importati.

Connessioni per l’edilizia in legno

Un altro punto forte del reticolato a scelta sono le connessioni integrate per l’edilizia in legno. Gli elementi di costruzione possono essere collegati con tenoni, incastri, attacchi a tiranti, lamiere con mortasa e coprigiunti. La misurazione della struttura reticolare comprensiva dei collegamenti avviene così in un’unica e stessa voce di statica.

Connessioni in un reticolato

 

Collegamento al programma di costruzione Dietrich’s

Le voci del reticolato a scelta con l’importazione del tetto possono essere utilizzate nel programma di costruzione Dietrich’s per l’intersezione geometrica del tetto. Queste voci del reticolato a scelta si lasciano inserire lì come voci di profilo. È possibile anche l’inserimento delle dimensioni di correntini e arcarecci dalle voci di statica. Inoltre i reticolati a scelta di statica già calcolati possono essere importati nel programma di costruzione Dietrich’s comprensivi dei collegamenti per l’edilizia in legno.